I segreti del Tempio. Parte quinta ed ultima Pubblicato il 28 Luglio, 2020

Secondo una specifica richiesta del Rebbe, riguardo al periodo delle tre settimane in particolare (dal 17 di Tamùz al 9 di Av), cerchiamo di offrire qui un’occasione di studio delle leggi riguardanti il Tempio, fornendo la traduzione (libera) di un avvincente discorso del Rebbe sull’argomento stesso, nel quale vengono messi in luce aspetti importanti e del tutto innovativi.


D-O è tutto Pubblicato il 28 Luglio, 2020

Non vi è assolutamente alcuna realtà all’infuori di D-O. Il Santo, benedetto Egli sia, è l’unica e sola realtà esistente al mondo, sia nel cielo, sia sulla terra, sia nello spazio del mondo.


L’amore che si rivela nella distruzione Pubblicato il 23 Luglio, 2020

aron hakodesh

Nell’esilio e nella distruzione si nasconde un contenuto interiore, un bene meraviglioso ed elevato: nell’esilio stesso si tesse la Redenzione, che è la rivelazione di una luce completamente nuova.


Una duplice visione Pubblicato il 23 Luglio, 2020

La legge ebraica stabilisce che è vietato demolire anche solo un minimo dettaglio del Tempio. Come può essere quindi che D-O abbia permesso la sua distruzione?


Shabàt Chazòn Pubblicato il 22 Luglio, 2020

Vi è un giorno, durante l’anno, in cui ci viene fatto vedere il ‘Terzo Tempio’. È il momento in cui si può cominciare a guardare in avanti, verso la Gheulà, ed il passato, con la distruzione del Primo e del Secondo Tempio, viene finalmente compreso nel suo significato vero: una preparazione indispensabile per un’elevazione senza paragoni, quella della Redenzione finale.


Menachem Av: consoliamo D-O Pubblicato il 22 Luglio, 2020

Come dicono i nostri Saggi, non solo gli Ebrei sono in esilio, ma anche la Divina Presenza lo è. Per questo, per così dire, noi abbiamo la capacità di confortare D-O, quando, con le nostre buone azioni, affrettiamo la Redenzione.


La “Visione” Pubblicato il 22 Luglio, 2020

Shabat Chazon

La parashà Devarìm viene sempre letta nello Shabàt che precede il Nove di Av, il digiuno che ricorda la distruzione del Primo e del Secondo Tempio. Questo Shabàt è anche conosciuto come Shabàt Chazòn, in riferimento alla prima parola della sua haftarà.


I segreti del Tempio. Parte quarta Pubblicato il 21 Luglio, 2020

7. Secondo quanto detto, si comprende ora anche perché il Rambam concluda l’halachà dilungandosi sugli Urim e i Tumim al tempo del Secondo Tempio. Il Rambam fa un paragone con quanto scritto all’inizio dell’halachà, sull’Arca, e cioè che anche al tempo del Secondo Tempio essa esisteva intatta (e cioè al suo posto), nonostante vi fosse in essa un grande cambiamento: essa […]


Un essere mortale che pronuncia la parola di D-O Pubblicato il 21 Luglio, 2020

529px-moses_pleading_with_israel_crop1[1]

I nostri Saggi spiegano che Moshè pronunciò il Libro di Devarìm “di sua propria iniziativa”. Evidentemente Moshè pronunciò le sue parole “ispirato dallo Spirito Santo”, e non come propria invenzione. D’altro canto, è anche chiaro che il Libro di Devarìm include il processo di pensiero personale di Moshè. La Torà infatti, essendo fondamentalmente superiore alla nostra struttura terrena, per potersi rivestire del mondo, deve passare attraverso un intermediario.


I segreti del Tempio. Parte terza Pubblicato il 20 Luglio, 2020

Secondo una specifica richiesta del Rebbe, riguardo al periodo delle tre settimane in particolare (dal 17 di Tamùz al 9 di Av), cerchiamo di offrire qui un’occasione di studio delle leggi riguardanti il Tempio, fornendo la traduzione (libera) di un avvincente discorso del Rebbe sull’argomento stesso, nel quale vengono messi in luce aspetti importanti e del tutto innovativi, riguardanti il Tempio, l’Arca ed il luogo dove essa è conservata.