Yud-Tet Kislèv e la Gheulà Pubblicato il 27 November, 2018

Il processo che porta alla Gheulà, tramite la diffusione della Chassidùt, ha inizio nella sua forma più vasta e generale, con i fatti collegati alla festa di Yud-Tet Kislèv. Il termine di questo processo noi lo stiamo vivendo ora, quando ciò che resta solo ormai è “aprire gli occhi” e riconoscere già oggi la luce della Gheulà.


Yud Tet Kislèv: La luce che porta alla Gheulà Pubblicato il 27 November, 2018

Questo giorno è l’inizio di una nuova luce, la luce della Chassidùt. Essa viene data a tutti, e sta a noi usarla come chiave per entrare nei ‘Giorni di Moshiach’.


Yud Tet Kislèv: la storia Pubblicato il 26 November, 2018

2013-11-19 21 29 24

Il giorno di Yud Tet (19) del mese di Kislev viene chiamato dai chassidìm: Chag haChaghim, festa delle feste, o anche Capodanno della Chassidùt. Per comprendere meglio il valore e l’importanza di questo giorno, conviene ricordarne il significato, attraverso il racconto della sua storia

 .


I misteri della Torà Pubblicato il 22 November, 2018

Come mai D-O, nel Giardino dell’Eden, pur sapendo perfettamente dove Adamo si trovasse dopo il peccato, lo cercò chiedendogli: “Dove sei?” In questa domanda vi è un messaggio profondo, qualcosa che D-O chiede in ogni momento ad ognuno di noi. Ogni Ebreo deve sapere che questa domanda ‘Dove sei?’ è rivolta a lui personalmente ed in ogni momento, al di là del livello alto o basso al quale egli possa trovarsi. È la domanda con cui dall’Alto ci viene chiesto se abbiamo realizzato lo scopo della creazione, la trasformazione di questo mondo basso e materiale in una dimora adatta ad ospitare e rivelare la Presenza Divina.


Yud Tet Kislèv: un assaggio della Gheula Pubblicato il 14 November, 2018

Yud -Tet Kislèv, giorno in cui l’Admòr HaZakèn, primo Rebbe di Chabàd, fu liberato di prigione, in modo del tutto miracoloso, segna l’inizio del diffondersi vasto ed ufficiale della Chassidùt. Da qui comincia il processo che porta alla trasformazione del buio in luce.


Il 19 di Kislèv ed il compito di ogni Ebreo Pubblicato il 26 October, 2018

Le “sorgenti”, e cioè la parte interiore, più profonda e nascosta della Torà, non devono rimanere nel luogo dal quale esse hanno origine, il luogo più elevato della santità. Le “sorgenti” devono uscire con forza e scorrere fino a raggiungere i luoghi più remoti e lontani. Questo è l’insegnamento del 19 di Kislèv.


Il 7 di MarCheshvàn Pubblicato il 16 October, 2018

pioggia-odore-olfatto-1

La Chassidùt ci insegna come il 7 di MarCheshvàn, giorno in cui si inizia a pregare per la pioggia, indichi, nel suo significato interiore, una grande elevazione.


‘Shehechiyànu’ per la Torà Pubblicato il 30 September, 2018

Quando un Ebreo, durante l’anno, vive una vita improntata alla Torà, sia lui che la Torà, nella festa di Simchàt Torà, verranno infusi di una luce Divina di grado molto maggiore, tanto da risultare, per così dire, come un nuovo Ebreo più elevato ed una nuova Torà più elevata.


La gioia dellaTorà Pubblicato il 30 September, 2018

Simchàt Torà ha la forza di rivelare come ogni Ebreo sia completamente unito a D-O, e tutto ciò proprio tramite il danzare dell’Ebreo con i rotoli della Torà. È un momento questo in cui emerge come la vera Essenza di D-O e quella dell’Ebreo siano una cosa sola.


D-O chiede: “Non separatevi” Pubblicato il 28 September, 2018

L’ultimo giorno della festa di Succòt, il Santo, benedetto Egli sia, ci trattiene un giorno in più per festeggiare ‘insieme’. L’essere ‘insieme’ più importante per D-O, però, riguarda l’unione del popolo Ebraico al suo interno, dato che questo è l’unico modo in cui esso può unirsi a D-O Stesso.