26 Tammuz 5777 - 20 Jul 2017 Thu

    Settimana di

    parashà Lech Lechà

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Giovedì                                                        26 Tamùz                                          5703 Nello studio della Torà, la persona si dedica al soggetto che desidera comprendere, ed arriva ad una....
Leggi Tutto

Un asino particolare Pubblicato il 20 January, 2017

Un asino e più significati legati ad Avraham, Moshe ed il Re Moshiach.


L’Ebreo riceve da D-O la forza di operare nel mondo Pubblicato il 29 November, 2016

L’Ebreo è l’inviato di D-O nel mondo, che ha il compito di tasformare tutto il mondo in una dimora per D-O, attraverso la Torà e le mizvòt. Per assolvere al suo compito, D-O fornisce l’Ebreo di forze senza limite, come senza limite sono le forze di D-O Stesso.


Illuminiamo il mondo Pubblicato il 21 November, 2016

Il servizio Divino di illuminare la dimensione materiale del mondo per mezzo delle mizvòt è proprio ciò che realizza l’intento stesso della creazione Divina, una dimora per D-O in questo mondo.


La capacità di sacrificarsi che porta Moshiach Pubblicato il 16 November, 2016

Il vero auto-sacrificio lo si fa senza calcolo. L’unica considerazione, l’unico pensiero è cosa D-O vuole e richiede da me in questo momento. In questo senso, l’Akedà fu il primo esempio di auto-sacrificio.


‘Ed io non sono che polvere e cenere’. Pubblicato il 15 November, 2016

La grandezza dell’attributo di benevolenza di nostro Padre Avraham proviene dalla consapevolezza della sua nullità. Impariamo da questa condotta di nostro Padre Avraham.


L’Ebraismo inizia nei miracoli Pubblicato il 13 November, 2016

Il popolo d’Israele è un popolo che, nella sua essenza, va al di là della natura. Anche il legame fra l’Ebreo e D-O non è limitato dalla logica, nè dalla comprensione intellettuale. Esso nasce dall’essenza stessa dell’Ebreo, che è una parte di D-O Stesso!


“Una Torà nuova uscirà da Me” Pubblicato il 10 November, 2016

Con l’avvicinarsi della Gheulà, che ormai si affaccia alle porte, il Rebbe ci trasmette l’insegnamento, che ci viene impartito dal comando che D-O diede al nostro padre Avraham:”Lech Lechà”. Noi impariamo da qui qual’è il nostro compito oggi, quello di prepararci a ricevere il completamento del Matàn Torà, la rivelazione di tutti i segreti della Torà, che Moshiach porta con sè, nella rivelazione finale alla quale ci apprestiamo.


I tesori sono nascosti proprio nella terra Pubblicato il 9 November, 2016

Come noi non avremo mai la possibilità di valutare l’abbondanza dei tesori naturali che si trovano nelle profondità della terra, così nessuno è in grado di figurarsi l’immensità dei tesori nascosti nel cuore dell’Ebreo.


L’odissea di Avraham Pubblicato il 9 November, 2016

heaven-s-road-1080p-wallpaper-middle-size

Il percorso spirituale di una persona comporta il trascendere le proprie normali abitudini e modi di pensare, per arrivare a toccare il proprio nucleo essenziale Divino. Ed è questo il messaggio che il comando Divino, Lech Lechà, rivolto ad Avraham Avìnu, trasmette ad ogni Ebreo ed in ogni tempo, guidandolo nel suo servizio.


Procediamo verso la meta Pubblicato il 7 November, 2016

Nonostante il Matàn Torà abbia già avuto luogo, noi non abbiamo ancora ricevuto la Torà nella sua interezza, con tutti i suoi segreti, poichè solo ai ‘Giorni di Moshiach’ meriteremo la rivelazione della Torà nella sua completezza. Per questo, noi ci troviamo anche ora nell’attitudine costante di adempiere al comando di Lech Lechà, di andare e procedere ogni giorno verso il grande fine della rivelazione della Torà nuova da parte del nostro Giusto Moshiach.