22 Tammuz 5780 - 14 Jul 2020 Tue

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Domenica                                                     22 Tamùz                                          5703

Mio padre disse: Un aforisma chassìdico rende la testa chiara ed il cuore terso; una buona condotta chassìdica riempie la casa....
Leggi Tutto

Una purificazione eterna Pubblicato il 6 Luglio, 2020

sacerdoti

Moshè e Pinchàs rappresentano due vie per servire D-O. Lo scopo generale del servizio Divino è quello di purificare la materialità, trasformandola in un recipiente capace di contenere e rivelare la luce Divina. Un simile processo può svolgersi per due vie: la prima, tramite una grande rivelazione di luce Divina proveniente dall’alto, e la seconda, attraverso la purificazione della realtà fisica e la sua elevazione


La forza di Moshè Rabèinu Pubblicato il 11 Giugno, 2020

In ogni generazione esiste ‘un’estensione di Moshè’, e cioè il ‘Giusto’ della generazione, che si preoccupa e prega per ogni membro del popolo d’Israele, si cura di ogni singolo Ebreo, prega e fa discendere dall’Alto ogni bene materiale e spirituale per tutti in generale e per ogni singolo in particolare.


Superare la possibilità di sbagliare Pubblicato il 10 Giugno, 2020

spie

La parashà Shelàch riporta il racconto delle spie e della loro trasgressione nei confronti della volontà di D-O, che ebbe come risultato la permanenza forzata degli Ebrei nel deserto per quarant’anni. Apparentemente, il loro errore fu solamente grave e negativo, eppure…


La Guida della generazione. Pubblicato il 7 Giugno, 2020

Rebbe[1]

Dal Matàn Torà in poi, da Moshè, Yehoshùa ed ogni loro estensione, impariamo chi è la Guida della generazione e qual’è il suo compito, senza il quale il popolo d’Israele non potrebbe nè esistere, nè portare a compimento la sua missione, di preparare una dimora per D-O in questo mondo.


Oltre i limiti Pubblicato il 2 Aprile, 2020

L’ultimo Sabato prima di Pèsach, Shabàt HaGadòl, ricorda un miracolo, che insegna fino ad oggi il potere che ha l’Ebreo, quando è collegato al Moshè della generazione, di superare i limiti della natura e del mondo, al punto di veder trasformarsi gli ostacoli del mondo stesso in un aiuto manifesto per l’attuazione della volontà Divina nel mondo.


Mezzo Shèkel per vincere l’idolatria! Come è possibile? Pubblicato il 12 Marzo, 2020

Il Sabato in prossimità del Capomese di Adàr (Adàr 2, quest’anno) è chiamato Shabàt Shekalìm. In esso noi leggiamo alcuni versi della parashà Ki Tissà, che ci ricordano l’offerta del ‘mezzo shèkel’, dal quale possiamo trarre importanti insegnamenti. Mostrandoci una ‘moneta di fuoco’, D-O ci ha insegnato come riconoscere la Sua unicità e la verità, che non c’è altro oltre a D-O e che tutto viene da Lui.


Ki Tissà Pubblicato il 11 Marzo, 2020

In tre fasi si esprime qualsiasi processo nel mondo, e noi entriamo, ora, nella terza, nella Ghimmel della Gheulà.


Adàr, un mese speciale! Il 7 di Adàr, un giorno speciale! Pubblicato il 9 Marzo, 2020

Moshè Rabèinu e il popolo d’Israele hanno un legame speciale, che rivela la sua forza ed il suo potere, in ogni generazione. Ciò emerge in particolare nel mese di Adàr,nel quale cade l’anniversario, sia della nascita che della morte di Moshè.


Perchè abbiamo bisogno dei profeti? Pubblicato il 3 Settembre, 2019

Come il popolo Ebraico ebbe bisogno, ad ogni passo, di Moshè Rabèinu, per procedere nel suo cammino, così, anche oggi, l’Ebreo, per seguire il giusto cammino, ha bisogno della guida della generazione, di colui che gli sappia trasmettere il messaggio Divino, relativo al momento presente, permettendogli di riconoscere la via della verità. (P. Shofetìm)


Orgoglio Ebraico Pubblicato il 25 Agosto, 2019

sefer Tora

Se anche l’orgoglio non è, in genere, una virtù, quando si parla della fierezza dell’Ebreo, che segue la Torà a testa alta, distinguendosi in ciò da tutte le altre nazioni, si è certi di trovarsi davanti ad una qualità elevata ed indispensabile, che pone l’Ebreo nella sua giusta dimensione, là dove egli può e deve operare per il bene di tutto il mondo. (Parashà Reè)