HaYomYom: Venerdì, 17 Adàr 1 5779 Pubblicato il 22 Febbraio, 2019

Lunedì                                                    17 Adàr 1                                                5703

Molti anni prima dell’imprigionamento dell’Admòr HaZakèn a Pietroburgo, nel 5559 (1798), egli comparve, una volta, davanti al pubblico e disse: “Nel Gan Eden viene percepita la preziosità di questo mondo: non solo gli Angeli del Servizio, ma anche le prime Emanazioni (nell’Azilùt, o Mondo dell’Emanazione, ogni esistenza è Divina, e, cioè, un tutt’uno con D-O stesso, in modo tale da non distinguersi, lì, in nessun modo, delle entità) darebbero tutto per un amèn yehì sh’mèi rabà detto da un Ebreo ‘con tutta la sua forza’, e cioè con completa concentrazione ed intenzione, pienamente immerso in queste parole.”
Questo fu tutto ciò, che egli disse. L’effetto, che ne risultò, fu quello dell’accendersi di una tale fiamma e di un tale ardente entusiasmo in coloro, che lo avevano ascoltato, che per un intero anno il loro amèn yehì sh’mèi rabà fu detto con passione.

Lascia un commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.