HaYomYom: Sabato, 4 Tevèt 5781 Pubblicato il 18 Dicembre, 2020

Sabato                                                  4 Tevèt                                                       5703

I Rebbeìm di Chabàd erano soliti ‘rivedere’ una parashà o due, il giovedì sera; il venerdì pomeriggio, ricominciavano di nuovo il ‘ripasso’ della parashà dall’inizio, con la sua haftarà; il sabato mattina, prima della preghiera, la rivedevano di nuovo, a partire dalla ‘settima’ (chiamata) fino alla fine. Quando c’erano due haftaròt, l’haftarà della parashà, la dicevano il venerdì, e l’altra (di Shabàt-Rosh Chòdesh, machàr chòdesh, ecc.) il Sabato.

*  *  *

Vi sono sogni buoni, nei quali soggetti di Torà vengono resi noti alla persona che sogna. Ciò accade, generalmente, dopo un impegno intenso nello studio della Torà, durante il giorno. Quando uno studia la Torà con grande diligenza o si impegna nel ‘servizio del cuore’ –la preghiera- con grande sforzo, allora, di notte, quando la sua anima si eleva per trarre la sua vitalità dalla Vita Superiore, come è spiegato nello Zohar, gli vengono fatti conoscere nuovi aspetti della Torà, sia della Torà Rivelata, sia della Torà Interiore, ognuno secondo il suo impegno nel suo servizio durante il giorno.

Lascia un commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.