25 Av 5781 - 03 Aug 2021 Tue

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Mercoledì                                           24 Menachem Av                                       5703     

Una tradizione tramandata di Rebbe in Rebbe: Al tempo del noto conflitto (fra...

Read More »

.
Leggi Tutto

HaYomYom: Domenica, 16 Adàr 5781 Pubblicato il 28 Febbraio, 2021

Domenica                                           16 Adàr 1                                                     5703    L’Admòr HaZakèn disse: “Le offerte per il Santuario comprendevano oro, argento e rame, ma non vi era nulla di luccicante, eccetto gli specchi presentati dalle donne, dai quali venne forgiato il lavabo e la sua base. Questo fu l’ultimo fra gli oggetti, che furono costruiti per il Santuario, ma veniva […]


HaYomYom: Sabato, 15 Adàr 5781 Pubblicato il 26 Febbraio, 2021

Sabato                                         15 Adàr 1, Shushàn Purim Katàn                     5703 Av HaRachamim e Zidkat’cha non vengono detti. Prima di pronunciare la benedizione di hamozì, viene fatto una leggera incisione sul pane con il coltello, facendo attenzione, però, a non tagliarlo. Anche quando si dice il kidùsh sul pane, si dice savrì maranàn. È detto del Tempo A […]


HaYomYom: Venerdì, 14 Adàr 5781 Pubblicato il 26 Febbraio, 2021

Venerdì                                           14 Adàr 1, Purim Katàn                               5703 Tachanun non viene detto. Mio nonno disse a mio padre: “Mio padre (il Zemmach Zèdek) scelse i maamarìm editi in Likutèi Torà fra 2000 maamarìm. ___ . ___ Domenica                                         14 Adàr 2, Purim                                          5703 Leggendo la Meghillà, noi leggiamo (8.11): laharòg ulehabèd, velaharòg uleabèd. In 9:2, veish lo […]


Non per ogni cosa ci dobbiamo entusiasmare Pubblicato il 25 Febbraio, 2021

L’altare, in generale, rappresenta il cuore, dove viene acceso il fuoco dell’amore per D-O.


L'”altare” resta puro per sempre Pubblicato il 25 Febbraio, 2021

Nella sua interiorità, nell’essenza della sua anima, l’Ebreo resta sempre legato a D-O


Bitachòn Pubblicato il 25 Febbraio, 2021

Abbandonarci completamente a D-O, con assoluta fiducia e sicurezza del bene che, in ogni momento, ci deriva da Lui, ci porta ad un livello, dove i limiti della natura non hanno più presa sull’Ebreo, ed allora tutto può riuscire, e solo per il meglio. Vediamo come la storia di Purim viene a dimostrarci ciò, nel modo più evidente

 .


Mordechài e Hammàn: bitùl contro arroganza Pubblicato il 25 Febbraio, 2021

Ogni Ebreo, non importa chi egli sia o quanto possa sentire della religione, possiede la qualità di abbandonarsi a D-O ed annullarsi davanti a Lui, poichè questa è una caratteristica naturale della nostra anima.


HaYomYom: Giovedì, 13 Adàr 5781 Pubblicato il 25 Febbraio, 2021

Giovedì                                                    13 Adàr 1                                               5703 Tachanun non viene detto a Minchà. Mio padre disse: “Sono sicuro che quando un chassìd è nel beit hamidràsh (casa di studio) e studia o recita un maamàr di Chassidùt con altri, i miei padri se ne riempiono di gioia; e la loro gioia è sufficiente a provvedere a quel chassìd, […]


La punizione di Hammàn Pubblicato il 24 Febbraio, 2021

Al tempo della Russia degli zar, un despota crudele, soprannominato ‘Hammàn’, non perdeva occasione di tartassare gli Ebrei. Ma anche allora, come a Purim, la situazione si capovolse quando…


Cosa ci insegna Purim oggi Pubblicato il 24 Febbraio, 2021

L’unione del popolo Ebraico e l’orgoglio col quale esso manifesta il proprio Ebraismo è ciò che lo ha salvato in passato ed è ciò che lo porterà oggi alla sua completa Redenzione.