22 Heshvan 5782 - 28 Oct 2021 Thu

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Sabato                                                     22 Cheshvàn                                           5704

Uno degli insegnamenti del Magghìd di Mezrich, che l'Admòr HaZakèn udì, nel primo periodo che...

Read More »

.
Leggi Tutto

‘Il Paese sarà suddiviso soltanto tramite il sorteggio’ Pubblicato il 30 Giugno, 2021

Israele_P1

La suddivisione fisica della Terra d’Israele rispecchia il particolare rapporto spirituale di ognuno con la terra ‘spirituale’ d’Israele e la relazione di ciascuno alla sua parte personale non dipende dalla ragione o dall’intelletto, ma li trascende.


HaYomYom: Mercoledì, 20 Tamùz 5781 Pubblicato il 30 Giugno, 2021

Venerdì                                                        20 Tamùz                                           5703 Vi sono tre forme di itbonenùt (contemplazione, meditazione): a)   Studio – meditazione: dopo aver compreso il concetto fino in fondo, uno medita sulla sua profondità, fino a che l’elemento intellettuale non risplenda davanti a lui. b)   Meditazione prima della preghiera: essa è diretta a far sentire la vitalità del […]


Lo zelo di Pinchàs Pubblicato il 30 Giugno, 2021

Giudicare un Ebreo, non è cosa che tocca a noi di fare. Solo D-O, infatti, può vedere cosa c’è, veramente, nel cuore di ognuno di noi. A noi spetta, invece, di guardare l’altro Ebreo, sempre con occhio positivo.


Come si arriva al bene perfetto Pubblicato il 29 Giugno, 2021

Quando gli Ebrei sono costretti a passare una fase di declino e oscurità, e, nonostante ciò, anche allora persistono nel loro attaccamento a D-O trasformando così il buio in luce, in questo modo essi preparano se stessi ed il mondo intero al bene ed alla luce perfetti che si riveleranno nella Redenzione vera e completa.


HaYomYom: Martedì, 19 Tamùz 5781 Pubblicato il 29 Giugno, 2021

Giovedì                                                        19 Tamùz                                           5703 Una pratica di mio padre: Quando viaggiava, anche se trascorreva mesi in un posto, egli recitava la tefillàt hadèrech (preghiera per i viaggiatori) ogni giorno, dopo la preghiera, senza pronunciare il Nome di HaShem.


Tre tipi di collegamento Pubblicato il 28 Giugno, 2021

L’Ebreo è legato alla Terra d’Israele con un legame indissolubile, così come egli è legato a D-O, con lo stesso legame essenziale.


HaYomYom: Lunedì, 18 Tamùz 5781 Pubblicato il 28 Giugno, 2021

Mercoledì                                                   18 Tamùz                                            5703  L’Admòr HaZakèn disse di R. Moshè Vilenker: “Moshè ha mochìn de gadlùt, ampiezza dell’intelletto, e nei suoi dieci anni di sforzo e lavoro spirituale, egli ha raggiunto un intelletto dal vasto spettro (capace di cogliere, assorbire ed integrare, in modo profondo ed intenso, i concetti più disparati e perfino opposti). Per […]


HaYomYom: Domenica, 17 Tamùz 5781 Pubblicato il 27 Giugno, 2021

Martedì                                                   17 Tamùz                                                5703 Giorno di digiuno. Selichòt (pag. Martedì362). Avìnu Malkèinu (pag. 277). La differenza fra le prime e le seconde tavole (dei Dieci Comandamenti): Nelle tavole stesse: le prime erano “opera di D-O”, mentre le seconde: “intaglia per te”. Nello scritto: secondo i Saggi, Eruvìn 54°, solo le prime avevano (la qualità spirituale, […]


Una purificazione eterna Pubblicato il 27 Giugno, 2021

sacerdoti

Moshè e Pinchàs rappresentano due vie per servire D-O. Lo scopo generale del servizio Divino è quello di purificare la materialità, trasformandola in un recipiente capace di contenere e rivelare la luce Divina. Un simile processo può svolgersi per due vie: la prima, tramite una grande rivelazione di luce Divina proveniente dall’alto, e la seconda, attraverso la purificazione della realtà fisica e la sua elevazione


Qualcosa di indispensabile Pubblicato il 25 Giugno, 2021

Nell’era Messianica, i giorni di digiuno non verranno solo aboliti, ma saranno trasformati in giorni di festa, come è scritto: “Così dice il Signore degli Eserciti: il digiuno del quarto, quinto, settimo e decimo mese saranno per la casa di Yehuda giorni di giubilo, allegria e fauste ricorrenze”