11 Heshvan 5782 - 17 Oct 2021 Sun

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Martedì                                                   11 Cheshvàn                                           5704

(A questo punto, nel testo Ebraico, appaiono delle correzioni a quanto scritto su...

Read More »

.
Leggi Tutto

HaYomYom: Venerdì, 19 Elùl 5781 Pubblicato il 27 Agosto, 2021

Domenica                                                   19 Elùl                                                 5703 Quando l’Admòr HaZakèn era ancora a Vitebsk, diede, una volta, un’interpretazione del verso “Voi siete (oggi tutti presenti davanti al Signore….da quello che spacca la legna a quello che attinge l’acqua…)” (Devarim 29: 9-10). Avendo la parola èz (legna) la stessa radice di ezà (consiglio), egli interpretò “quello che spacca la […]


La gioia di uno è la gioia di tutti Pubblicato il 26 Agosto, 2021

offerta delle primizie

La vera unità del popolo Ebraico trova espressione proprio quando gli Ebrei, nel loro stato di individui distinti e separati, sono comunque anche allora realmente uniti come una cosa sola, poiché la loro unità deriva dal fatto che essi, in virtù della Fonte comune delle loro anime, sono veramente una cosa sola.


Chài Elùl Pubblicato il 26 Agosto, 2021

La vitalità del mese di Elùl, che viene poi trasmessa a tutto l’anno, è racchiusa e viene sprigionata dal 18 di Elùl, il giorno della nascita dei due grandi luminari, i fondatori della Chassidùt in generale e della Chassidùt Chabad. La luce che la Chassidùt porta all’Ebreo è l’assaggio della luce che ci illuminerà nella Gheulà vera e completa, che si sta ormai per rivelare.


Il tesoro nascosto del mese di Elùl Pubblicato il 26 Agosto, 2021

Scopriamo in questo mese, quanto D-O ci sia vicino, e che questo ci dia la forza di servirLo con gioia ed entusiasmo, fino a rivelare la nostra perfetta unione con Lui, nella Gheulà vera e completa.


HaYomYom: Giovedì, 18 Elùl 5781 Pubblicato il 26 Agosto, 2021

Sabato                                                  Chai (18) Elùl                                            5703  Alla sesta (salita alla lettura della Torà) colui che legge la Torà dice le benedizioni, senza venir chiamato alla Torà. Nascita del Baal Shem Tov, nel 5458 (1698). Giorno in cui il suo santo Maestro gli apparve nel 5484 (1724). Giorno in cui il Baal Shem Tov si rivelò nel […]


98 benedizioni camuffate Pubblicato il 25 Agosto, 2021

tesoro

“Se però non darai ascolto alla voce dell’Eterno… allora ti verranno addosso e ti raggiungeranno tutte queste maledizioni” (Devarìm, parashà Ki Tavò 28,15). Eppure ci è stato detto, che non vi è male che scende dall’Alto! Deve esserci, quindi, ovviamente, del bene, nascosto in questi duri versi, ma dove?


HaYomYom: Mercoledì, 17 Elùl 5781 Pubblicato il 25 Agosto, 2021

Venerdì                                                     17 Elùl                                                   5703 Era l’Admòr HaZakèn stesso, a leggere dalla Torà, per la sua congregazione. Un anno, il Rebbe si trovò lontano dalla sua città, il Sabato in cui si legge la parashà Tavò, (che contiene le maledizioni), cosicché l’Admòr HaEmzaì, che non aveva allora ancora 13 anni, udì la Torà, letta da qualcun […]


HaYomYom: Martedì, 16 Elùl 5781 Pubblicato il 24 Agosto, 2021

Giovedì                                                     16 Elùl                                                   5703 Così l’Admòr HaZakèn interpretò l’affermazione, “Chiunque salvi una sola persona (del popolo) d’Israele, è come se avesse salvato un intero mondo”: bisogna percepire l’Ebreo, così come egli è nel pensiero primordiale dell’Adam Kadmon. Lì, ogni anima si trova insieme a tutte le generazioni che sono destinate a discendere da essa, fino […]


Le primizie come paragone della vita Pubblicato il 24 Agosto, 2021

La grande discesa dell’anima in un corpo è perché a ciò segua un’elevazione. E questa elevazione si realizza proprio grazie ai precetti pratici, che vengono compiuti dal ‘recipiente’ – il corpo.


In movimento Pubblicato il 23 Agosto, 2021

Una persona può adempiere ad un precetto e restare ferma, trovarsi cioè, dopo l’adempimento, nello stesso stato in cui si trovava prima di esso. “E procederete…” implica che osservare i precetti trasformi la persona che li adempie in un individuo in movimento, capace di lasciare la sua posizione precedente ed avanzare verso un livello spirituale più elevato.