29 Kislev 5782 - 03 Dec 2021 Fri

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Martedì                              29 Kislèv, quinto giorno di Chanukkà                                    5703  

I peccati di Israele, al tempo dei Greci, furono: fraternizzare...

Read More »

.
Leggi Tutto

Il miracolo di Chanukkà Pubblicato il 30 Novembre, 2021

Parlando di Chanukkà, subito si affaccia alla nostra mente il concetto di miracolo. Eppure, proprio in questo miracolo, riguardante l’ampolla d’olio, D-O fonde natura e miracolo in una singolare sequenza. Come mai?


HaYomYom: Martedì, 26 Kislèv 5782 Pubblicato il 30 Novembre, 2021

Sabato                           26 Kislèv, secondo giorno di Chanukkà                                  5703 Benedici il mese di Tevèt. Recita l’intero libro dei Salmi la mattina presto. Giorno di farbrenghen. Tal umatar (Siddùr, pag.54). I lumi di Chanukkà dopo l’havdalà, prima di vaytèn lechà (pag.235). Nella sinagoga, si accendono i lumi di Chanukkà prima dell’havdalà. Nello Shabàt mevarchim, quando viene benedetto […]


HaYomYom: Lunedì, 25 Kislèv 5782 Pubblicato il 29 Novembre, 2021

Venerdì                                           25 Kislèv, primo giorno di Chanukkà                 5703 Mio padre accendeva i lumi di Chanukkà fra Minchà e Maariv; egli non metteva particolare attenzione al fatto che (fossero posti) nel vano della porta diretta a sud-nord o a est-ovest. Recitava HaNeròt halalù, dopo aver acceso tutti i lumi. Si sedeva vicino ai lumi per una […]


Non fuggire dal compito Pubblicato il 29 Novembre, 2021

Yosèf il Giusto era ad un livello molto più elevato dei suoi fratelli. Egli era in grado di rimanere collegato a D-O, non soltanto nell’isolamento e nella fuga dalle occupazioni del mondo, ma anche nel turbine della vita attiva di questo mondo. L’elevatezza della via di Yosèf il Giusto è dovuta al fatto che essa rappresenta lo scopo di tutta la Creazione: creare in questo mondo una dimora per D-O.


Elevarsi per mezzo di un sogno Pubblicato il 28 Novembre, 2021

sogni

Un Ebreo deve ‘afferrare’ ed attuare ogni cosa egli sia in grado di fare, ogni precetto, ogni buona condotta egli possa assumere, ogni buona azione, senza stare a calcolare, valutando se ha già raggiunto il livello richiesto per fare una determinata cosa.


HaYomYom: Domenica, 24 Kislèv 5782 Pubblicato il 28 Novembre, 2021

Giovedì                                            24 Kislèv, Vigilia di Chanukkà                            5703 (Continua da 23 Kislèv) Una spiegazione dei tre versi iniziali di lechu nerannenà, in un modo comprensibile a chiunque, è la seguente: mercoledì, noi cominciamo a pensare: ‘Cosa avremo per Shabàt?’ Questa è una preoccupazione sia in senso letterale che in senso spirituale, “come possiamo (fare) Shabàt” (cioè, […]


Quello che si impara dalle leggi di Chanukkà Pubblicato il 28 Novembre, 2021

I lumi di Chanukkà che noi accendiamo sono fatti di sostanze materiali, come olio, stoppino e simili, ma quando l’uomo li accende, essi illuminano, con una luce che l’occhio può vedere, ma che non è solo una luce materiale. Questi lumi si trasformano infatti in qualcosa di completamente spirituale.


HaYomYom: Sabato, 23 Kislèv 5782 Pubblicato il 26 Novembre, 2021

Mercoledì                                          23 Kislèv                                                       5703 Dai discorsi di mio nonno del mese di Elùl del 5635 (1875): I tre giorni che precedono lo Shabàt, sono una preparazione per lo Shabàt. Lo Zohar dice, a proposito dello Shabàt, che “da esso prendono la benedizione tutti i giorni.” “Tutti i giorni” si riferisce ai sei giorni della settimana, […]


HaYomYom: Venerdì, 22 Kislèv 5782 Pubblicato il 26 Novembre, 2021

Martedì                                            22 Kislèv                                                        5703 Una pratica istituita dal Rebbe: ogni mattina, dopo la preghiera, compreso il Sabato, le feste, Capodanno e Yom Kippùr, si recita una porzione dei Salmi, secondo la divisione, che ne è stata fatta, rispetto ai giorni del mese. Quando i Salmi vengono completati in un minyàn, viene recitato il Kaddìsh dell’orfano. […]


Il sigillo del Sommo Sacerdote Pubblicato il 26 Novembre, 2021

Il candelabro rappresenta l’anima Divina, “L’anima dell’uomo è la luce di D-O” (Proverbi, 20,27). L’olio rappresenta la saggezza. Negli eventi che la festa di Chanukkà ricorda, l’atto dei Greci che “Contaminarono tutti gli olii”, rappresenta il tentativo di contaminare la saggezza Divina e di trasformarla in una saggezza umana. Ma in ogni Ebreo esiste un punto interiore di Ebraismo, l’essenza dell’anima, che resta sempre puro ed intatto.