HaYomYom: Venerdì, 23 Shvàt 5781 Pubblicato il 5 Febbraio, 2021

Venerdì                                                      23 Shvàt                                                  5703

Una volta, uscendo dalla sua stanza, all’Admòr HaZakèn capitò di sentire sua moglie dire ad alcune donne: “Il mio (= mio marito) dice…”.  Il Rebbe disse: “Con una mizvà io sono tuo; con quante noi apparteniamo a D-O!” A queste parole egli cadde in dvekùt (profonda concentrazione, una comunione con il Divino, in cui si perde la propria consapevolezza  fisica). “Risvegliandosi” da questo stato, egli disse: “Uscite a vedere” (Canto dei Cantici 3:11) – uscire da se stessi e percepire il Divino, viene da (le parole che seguono nel verso) “o figlie di Siòn,” malchùt che risveglia il  z’a (1). In futuro si realizzerà quanto è scritto: “La donna di valore è la corona di suo marito”. (2)

(1)     Malchùt (lett. ‘regalità’) è il decimo attributo, del quale la luna è una metafora, non avendo essa luce propria, ma solo riflessa. Malchùt, quindi, è un attributo ‘femminile’, capace di ricevere. Z’a o zeìr anpìn, lett. ‘piccola faccia’,  ‘figura minore’, rappresenta i primi sei attributi, a iniziare da chèssed, ghevurà (benevolenza, rigore), ecc. I sei agiscono attraverso malchùt, che li rende effettivi. L’ “uscire da se stessi”, la negazione dell’ego, e la conseguente “percezione del Divino” derivano dalle “figlie di Siòn”, l’aspetto ‘femminile’, malchùt.

(2)     Mishlèi 12:4.   Mentre, apparentemente, l’attributo femminile è un recipiente, il suo vero stato in futuro verrà rivelato in quanto Corona, trascendente, più elevato dei più alti attributi dell’intelletto, così come la corona circonda la testa.

Lascia un commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.