HaYomYom: Giovedì, 21 Tamùz 5781 Pubblicato il 1 Luglio, 2021

Sabato                                                           21 Tamùz                                          5703   

Noi non diciamo shehecheiànu durante le Tre Settimane, neppure di Shabàt.

È scritto: “Mi faranno un santuario ed Io risiederò in loro.” “In loro” significa in ognuno di Israele. Questo, poiché in ogni Ebreo, il punto centrale dell’intima essenza del suo cuore è un santuario per il Suo dimorare (possa Egli essere benedetto).
Il luogo del santuario rimane sacro, anche nel tempo dell’esilio e della desolazione. Nel Midràsh Shemòt Rabà, cap. 2, R. Acha dice: “La Shechinà (Divina Presenza) non si allontana mai dal Muro Occidentale.” Tutta la desolazione è limitata agli edifici. Così, anche nel caso del santuario personale, dentro ogni Ebreo; il fondamento è integro, chiaro e puro, come è scritto: “Io dormo, ma il mio cuore è sveglio”. Midràsh Rabà spiega: “Io dormo rispetto alle mizvòt, ma il mio cuore è sveglio per gli atti di bontà; io dormo rispetto agli atti di carità, ma il mio cuore è sveglio per compierli.” Ogni forma di desolazione (spirituale) (possa D-O salvarci da ciò), che si trova nel popolo d’Israele, è solo in quegli aspetti del popolo analoghi alle costruzioni al di sopra delle fondamenta. Le fondamenta del santuario individuale restano, comunque, nel loro stato di santità.

Lascia un commento

Devi essere registrato per pubblicare un commento.