9 Tishri 5783 - 04 Oct 2022 Tue

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Venerdì                                                    9 Tishrei                                                 5704                             

Kaparòt: Bnèi adàm fino a uleshalòm (pag. 296) viene ripetuto tre volte, facendo roteare...

Read More »

.

HaYomYom: Lunedì, 27 Adàr 1 5782 Pubblicato il 28 Febbraio, 2022

Giovedì                                                       27 Adàr 1                                            5703   Mio padre disse: “La verità è la via di mezzo. Un’inclinazione verso destra, l’essere, cioè, troppo severi con se stessi, trovando mancanze o peccati non secondo il vero, o un’inclinazione verso sinistra, l’essere, cioè, troppo indulgenti, coprendo le proprie mancanze o permettendosi delle facilitazioni nel servizio, mossi dall’amore per se […]


‘Finito’ ed ‘Infinito’ Pubblicato il 28 Febbraio, 2022

La vera gioia deriva dalla possibilità di unire gli opposti, una dimensione dove ‘finito ‘ ed ‘infinito’ possono coesistere, la rivelazione del Divino nel mondo e nella nostra vita di tutti i giorni. È questo il compito che ci aspetta, e la gioia che lo accompagna viene a dirci che siamo sul giusto cammino.


HaYomYom: Domenica, 26 Adàr 1 5782 Pubblicato il 27 Febbraio, 2022

Mercoledì                                                  26 Adàr 1                                             5703       L’approccio al loro servizio, nella vigna del Signore Zevaòth, dei giovani che studiano la Torà, deve avvalersi di tre strumenti – amore per D-O, amore per la Torà e amore per Israele – così da poter avvicinare i cuori dei loro fratelli all’osservanza pratica delle mizvòt ed allo stabilire tempi fissi per […]


Quando scende l’oscurità, ci si mette in cammino Pubblicato il 27 Febbraio, 2022

nube Divina

In quest’epoca, quando il popolo d’Israele si trova immerso nell’esilio, noi non dobbiamo lasciarci scoraggiare dal buio dell’esilio, poiché proprio questo è il fine e lo scopo: illuminare con la luce della Torà proprio il buio.


HaYomYom: Sabato, 25 Adàr 1 5782 Pubblicato il 25 Febbraio, 2022

Martedì                                                     25 Adàr 1                                              5703 Hoshi’einu è detto dopo il Canto del Giorno nei giorni feriali, Shabàt, Feste, Capodanno e Yom Kippùr.


HaYomYom: Venerdì, 24 Adàr 1 5782 Pubblicato il 25 Febbraio, 2022

Lunedì                                                       24 Adàr 1                                             5703 Alla domanda di R.Hillel Paritcher, se rivedere Chassidùt anche nelle cittadine dove la gente non aveva idea di cosa fosse Chassidùt, l’Admòr HaEmzaì rispose: “L’anima sente parole di Chassidùt.” È scritto “Che scorre giù dal Libano”. Il Libano viene pronunziato, in Ebraico, ‘Lebanon‘, l’b nu’n, che rappresenta la chochmà e la binà dell’anima. Quando l’anima sente, la cosa ‘scorre […]


Il lavoro dell’Ebreo Pubblicato il 24 Febbraio, 2022

Chi stabilisce se e quanto un Ebreo dovrà guadagnare è solo D-O, e quanto più l’uomo si atterrà alla Sua volontà, quanto più la benedizione dall’Alto gli elargirà tutto quello di cui egli ha bisogno ed anche di più.


Come arrivare ad essere una realtà completa Pubblicato il 24 Febbraio, 2022

machazit hashekel

La parashà Vayak’hèl esprime il concetto dell’unione: unione all’interno del popolo d’Israele e unione del popolo d’Israele con il Santo, benedetto Egli sia. Per arrivare all’unione con l’altro Ebreo, l’uomo deve prima annullarsi davanti a D-O e unirsi con il suo Creatore; e perché il suo legame con D-O sia vero e completo, egli deve essere unito all’altro Ebreo e sentire che ogni Ebreo è una parte di se stesso.


HaYomYom: Giovedì, 23 Adàr 1 5782 Pubblicato il 24 Febbraio, 2022

Domenica                                                  23 Adàr 1                                              5703 I Rabbini e gli studiosi di Torà sono chiamati gli “occhi della comunità” e “i capi di migliaia di Israele”, e quando la testa (capo) è sana, allora anche il corpo è sano.


HaYomYom: Mercoledì 22 Adàr 1 5782 Pubblicato il 23 Febbraio, 2022

Sabato                                                      22 Adàr 1                                               5703 Haftarà: Vayshlàch Ach’av Mio padre scrisse in uno dei suoi maamarìm: Per quel che riguarda la seudàt shlishìt (il terzo pasto del Sabato): l’allusione al verso, ‘oggi non ne troverete (la manna, e cioè, il pane di Sabato), ecc.’, significa solo che il pane non è richiesto al terzo pasto, ma qualcosa, noi la dobbiamo […]