Il Capodanno degli Alberi Pubblicato il 16 Gennaio, 2022

7 specie

Il quindicesimo giorno del mese di Shvàt, Capodanno degli alberi, ci permette, non solo di assaggiare con gioia tutti i frutti che D-O ci ha dato, ma anche di ritrovare in essi un gusto ed una comprensione rinnovata del nostro servizio Divino.


Il 15 di Shvàt Pubblicato il 16 Gennaio, 2022

Il quindicesimo giorno del mese di Shvàt, è conosciuto come il ‘Capodanno degli Alberi’. Essendo l’uomo paragonato dalla Torà ad ‘un albero del campo’, si può dire che la celebrazione di questo giorno riguardi anche l’uomo.


L’uomo è come un albero del campo Pubblicato il 14 Gennaio, 2022

L’uomo, come l’albero, ha un potenziale di crescita del tutto particolare. Si tratta, infatti, di una crescita che comporta un salto di qualità: dal seme, ad un livello completamente nuovo e differente. Il Capodanno degli Alberi ci fornisce l’energia per questo salto, anche riguardo la crescita del nostro servizio Divino.


La settima generazione Pubblicato il 12 Gennaio, 2022

Il 10 del mese di Shvàt è l’anniversario della scomparsa del Rebbe precedente, il Rebbe Ha Rayàz (5710), ed è anche il giorno in cui, nell’anno successivo, il Rebbe Menachem Mendel Schneerson, assunse la guida del movimento di Lubavich e di tutto il Popolo Ebraico, in quanto ‘Leader della Generazione’ (Nassì haDòr).


Il compito di rivelare il Divino Pubblicato il 12 Gennaio, 2022

Ognuno ha il proprio particolare compito spirituale nella vita. Ritardando e indugiando, la persona può facilmente perdere l’occasione di portare a termine ciò che doveva compiere in questo mondo.


I quattro bicchieri Pubblicato il 30 Dicembre, 2021

La Torà usa quattro diverse espressioni per descrivere la redenzione del popolo Ebraico dall’Egitto, e i quattro bicchieri di vino che si bevono ogni anno, nella sera del sèder di Pèsach, corrispondono proprio a queste quattro espressioni. Anche nell’ultimo giorno di Pesach, durante la ‘Seudàt Moshiach’, si bevono i quattro bicchieri.


Didan Nezach – “La vittoria è nostra” Pubblicato il 9 Dicembre, 2021

Il 5 di Tevèt, una data da festeggiare e da ‘vivere’, risvegliando il nostro legame con i libri sacri, un legame vivo e vitale, che ha la forza di affrettare la rivelazione di Moshiach.


Guardarsi da una mano estranea Pubblicato il 5 Dicembre, 2021

La guerra dei Chashmonaim contro i Greci si conduce in ogni tempo ed in ogni luogo. L’Ebreo deve risvegliare l’“ampolla d’olio puro” che è in lui, nel profondo della sua anima, e con la sua forza egli potrà affrontare tutte le difficoltà e conservare la purezza della fede ebraica.


Chanukkà: una luce che illumina il mondo intero Pubblicato il 3 Dicembre, 2021

Come dal Tempio usciva una luce che illuminava il mondo intero, così i lumi di Chanukkà illuminano tutto l’ambiente circostante, portando un’influenza di santità e di purezza.


L’insegnamento di Chanukkà Pubblicato il 3 Dicembre, 2021

Quando la nostra fiducia in D-O si fa completa, si può rivelare in noi una forza, che ci permette di andare anche al di là della logica, ed ecco che, allora, vediamo aprirsi la strada del miracolo.