29 Kislev 5782 - 03 Dec 2021 Fri

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Martedì                              29 Kislèv, quinto giorno di Chanukkà                                    5703  

I peccati di Israele, al tempo dei Greci, furono: fraternizzare...

Read More »

.
Leggi Tutto

Una duplice consolazione Pubblicato il 23 Luglio, 2021

Attraverso il suo servizio, l’Ebreo ha il potere di fondere insieme le due dimensioni di spiritualità e materialità, fino alla loro unione finale e definitiva, la duplice consolazione che si rivelerà col Terzo Tempio.


La consolazione della Redenzione Pubblicato il 22 Luglio, 2021

Il nostro lavoro, nell’esilio, è ciò che prepara la rivelazione del infinitezza di D-O nel mondo. Il rivelarsi dell’unione perfetta del tutto nell’Uno, Semplice ed Indivisibile, coesisterà coi particolari, che non si annulleranno. L’anticipazione di questo, D-O ce la dà, con la promessa della Sua doppia consolazione, un’allusione al ‘senza limite’ che ci aspetta. (P. Vaetchannàn)


Comprensione e sottomissione Pubblicato il 19 Febbraio, 2021

Shema Israel

L’uomo serve D-O con la sua parte migliore, con le facoltà migliori della sua anima – le facoltà del suo intelletto, della sua comprensione. Tuttavia, quando uno serve D-O solo secondo la propria logica e le proprie emozioni, può arrivare a sbagliare. Il servizio intellettuale deve a essere una conseguenza della propria accettazione del giogo Divino.


La vera forza Pubblicato il 23 Dicembre, 2020

Vi è una forza che può operare solo nei limiti della natura, e vi è una forza che li sovrasta completamente. Nella Gheulà, in ogni Ebreo si rivelerà questa forza illimitata, come D-O che, unito in un’unione completa con l’Ebreo, è illimitato. Quando, però, la Gheulà non è ancora rivelata ai nostri occhi, e i limiti che il mondo pone sembrano insormontabili, può l’Ebreo scoprire in sé questa forza e superare tutti i limiti? Impariamo da Yehudà.