18 Tishri 5782 - 24 Sep 2021 Fri

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Domenica                   18 Tishrei, 2° giorno di Mezza Festa Succòt                    5704

Si dice sia Om ani choma (pag....

Read More »

.

I segreti del Tempio. Prima parte Pubblicato il 8 Luglio, 2021

Secondo una specifica richiesta del Rebbe, riguardo al periodo delle tre settimane in particolare (dal 17 di Tamùz al 9 di Av), cerchiamo di offrire qui un’occasione di studio delle leggi riguardanti il Tempio, fornendo la traduzione (libera) di un avvincente discorso del Rebbe sull’argomento stesso, nel quale vengono messi in luce aspetti importanti e del tutto innovativi, riguardanti il Tempio, l’Arca ed il luogo dove essa è conservata.


Quello che si impara dalle leggi di Chanukkà Pubblicato il 10 Dicembre, 2020

I lumi di Chanukkà che noi accendiamo sono fatti di sostanze materiali, come olio, stoppino e simili, ma quando l’uomo li accende, essi illuminano, con una luce che l’occhio può vedere, ma che non è solo una luce materiale. Questi lumi si trasformano infatti in qualcosa di completamente spirituale.


Si può cambiare Essàv? Pubblicato il 30 Novembre, 2020

Il mondo e la forza che si oppone alla santità, hanno la capacità di occultare il Divino ed apparire come forze autonome, in grado di ostacolare il disegno Divino. Il compito dell’Ebreo non è quello di combattere queste forze, impersonificate, qui, da Essàv, ma di trasformarle al punto da rivelare la loro stessa intima realtà Divina.


La Succà e ‘l’insonnia’. Pubblicato il 30 Settembre, 2020

Come Yacov Avìnu ci insegna, col dire: “Certamente in questo luogo c’è l’Eterno ed io non lo sapevo”, dispiacendosi di avervi dormito, così anche la santità eccezionalmente elevata che ci avvolge, quando entriamo nella succà, costituisce il motivo per non dormire in essa.


Elùl: controlliamo i nostri tefillìn e le nostre mezuzòt Pubblicato il 12 Agosto, 2020

mezuza-scroll1

Nella nostra epoca, più che mai, è indicato seguire il consiglio del Rebbe di controllare una volta all’anno, nel mese di Elùl, i tefillìn e le mezuzòt. La barriera che separa la spiritualità dalla materialità, in prossimità della Gheulà, infatti, è così sottile, ormai, che ad una loro imperfezione, spesso corrisponde una ‘imperfezione’ nella nostra condizione di salute, sostentamento o altro. Seguire questa richiesta del Rebbe, quindi, ci porterà soltanto bene e benedizione.


Un’anima si è accesa Pubblicato il 17 Ottobre, 2019

mivzaim-succot

Quel passante era un Ebreo, ma pretendeva che questa realtà non gli appartenesse. Non voleva avere nulla a che fare né con la religione, né, soprattutto, con i religiosi, che solo gli stessero lontani. Eppure, dopo essere entrato nella Succà…