20 Iyyar 5784 - 28 May 2024 Tue

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Lunedì                                                         19 Iyàr                                               5703

             34° giorno dell'omer

Chassidùt è intelligenza Divina, una comprensione che mostra all'uomo quanto egli...

Read More »

.
Leggi Tutto

Un’autentica elevazione Pubblicato il 25 Maggio, 2023

L’Ebreo che dedica tutto se stesso a D-O ed alla Sua Torà, ha una possibilità di elevazione senza limiti, dal momento che egli si unisce a D-O, Che è senza limiti.


Chi può nascondersi da D-O? Pubblicato il 23 Maggio, 2023

Come è possibile nascondersi da D-O, la Cui gloria riempie tutto il mondo? Una possibilità esiste: quando l’Ebreo è orgoglioso, pieno di sé, di lui D-O dice: “Io e lui non possiamo abitare (insieme)”


Perché la teshuvà non rientra nel numero delle mizvòt Pubblicato il 22 Maggio, 2023

teshuva 0

Tutto lo scopo del pentimento è che esso porti ad un risveglio interiore, ad un desiderio di tornare a D-O, un risveglio che deve venire dall’uomo stesso. Per questo non può esservi un comando in proposito, poiché allora un simile processo non sorgerebbe dall’uomo stesso. Ecco perché la Torà non ha comandato di pentirsi, affinché questo processo sia in tutto e per tutto solo il frutto di una iniziativa interiore dell’uomo.


Restare noi stessi, pur nell’unione più perfetta Pubblicato il 22 Maggio, 2023

בית המקדש

Il nome della parashà – Nassò – significa “Solleva”. Essa evidenzia come la Torà sia un mezzo che consente alla persona di elevarsi al di sopra dei limiti.


Unione nella particolarità Pubblicato il 21 Maggio, 2023

Ogni Ebreo ha in generale due caratteristiche: le caratteristiche che lo contraddistinguono quale membro del popolo d’Israele e le sue caratteristiche personali. La vera unione è composta dall’insieme delle due.