14 Kislev 5783 - 08 Dec 2022 Thu

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Venerdì                                                  13 Kislèv                                                  5704   Mio padre disse: "La Chassidùt cambia la realtà e rivela l'essenza. L'essenza dell'Ebreo non può venire calcolata...

Read More »

.
Leggi Tutto

Tamùz, dagli opposti emerge l’unità Pubblicato il 15 Luglio, 2022

tamuz_m[1]

Il numero 17 ha il valore numerico della parola “bene”, e già oggi si può iniziare a riconoscere il bene nascosto nel 17 di Tamùz, una data che viene considerata come negativa, e che, di fatto, molto presto si trsformerà in un meraviglioso giorno di festa.


Ciò che distingue Israele dagli altri popoli Pubblicato il 18 Marzo, 2022

Anche gli aspetti più materiali degli Ebrei, quelli che sembrano essere in comune con gli altri popoli, sono impregnati di santità e sono sostanzialmente differenti da quegli stessi aspetti, che si trovano negli altri popoli.


Fede e guarigione Pubblicato il 17 Marzo, 2022

distributing Matzos

Il signor Malka (nome fittizio) entrò nella stanza del Rebbe di Lubavich, e per un attimo quasi dimenticò che sua figlia stava morendo. Poi si avvicinò alla scrivania porgendo al Rebbe la breve lettera che aveva preparato e scoppiò in lacrime. Il Rebbe finì di leggere la lettera, lo guardò e gli disse: “Siamo ora nel mese ebraico di Adàr. Presto vi sarà la festa di Purim. Il Talmùd ci dice che in questo mese noi DOBBIAMO essere gioiosi e lei viene nella mia stanza e fa l’opposto? Mi ha chiesto il permesso di portare tristezza nella mia stanza?!” Il signor Malka era sbalordito. Il Rebbe stava scherzando? “Rebbe!”, gridò. “È la vita di mia figlia!!” E pianse ancora più forte. “Lei vuole curare sua figlia con la tristezza? Nel mese di Adàr!?” rispose il Rebbe. Improvvisamente il signor Malka capì che il Rebbe era serio….


La punizione di Hammàn Pubblicato il 16 Marzo, 2022

Al tempo della Russia degli zar, un despota crudele, soprannominato ‘Hammàn’, non perdeva occasione di tartassare gli Ebrei. Ma anche allora, come a Purim, la situazione si capovolse quando…


Lo scopo della creazione di ‘Maledetto Hammàn!’ Pubblicato il 15 Marzo, 2022

L’enorme sete che, chi si pente e torna all’Ebraismo ed alle proprie radici (baal teshuvà), sente per la luce della santità, lo eleva fino a D-O Stesso, fino al punto dove anche il male è fatto per servire la santità e trasformarsi in bene.


Purim Pubblicato il 14 Marzo, 2022

Se il mondo riesce a farci dimenticare la Divinità, da cui tutta l’esistenza deriva e dipende e vuole imporsi ai nostri occhi, come realtà separata e indipendente, D-O fa in modo che questa stessa realtà venga a ricordarci e a farci riconoscere Chi è il Padrone del mondo. Quando, allora, noi torniamo a rivolgerci a Lui, iniziamo a vedere come i Suoi miracoli trasformino la natura stessa, cosicchè: “Per gli Ebrei fu luce, gioia, allegria ed onore”!


Bitachòn Pubblicato il 13 Marzo, 2022

Abbandonarci completamente a D-O, con assoluta fiducia e sicurezza del bene che, in ogni momento, ci deriva da Lui, ci porta ad un livello, dove i limiti della natura non hanno più presa sull’Ebreo, ed allora tutto può riuscire, e solo per il meglio. Vediamo come la storia di Purim viene a dimostrarci ciò, nel modo più evidente

 .


Cosa ci insegna Purim oggi Pubblicato il 13 Marzo, 2022

L’unione del popolo Ebraico e l’orgoglio col quale esso manifesta il proprio Ebraismo è ciò che lo ha salvato in passato ed è ciò che lo porterà oggi alla sua completa Redenzione.


Mordechài e Hammàn: bitùl contro arroganza Pubblicato il 11 Marzo, 2022

Ogni Ebreo, non importa chi egli sia o quanto possa sentire della religione, possiede la qualità di abbandonarsi a D-O ed annullarsi davanti a Lui, poichè questa è una caratteristica naturale della nostra anima.


Ricorda cosa ti fece Amalèk Pubblicato il 10 Marzo, 2022

Se la Torà ci ricorda il nostro dovere di non dimenticare il male che ci ha fatto Amalèk e quello di cancellare il suo ricordo da sotto i cieli, la Chassidùt ci insegna il significato interiore di ciò, e cioè come la distruzione di Amalèk sia una parte essenziale del nostro servizio Divino, giorno per giorno, anche oggi.