20 Iyyar 5784 - 28 May 2024 Tue

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Lunedì                                                         19 Iyàr                                               5703

             34° giorno dell'omer

Chassidùt è intelligenza Divina, una comprensione che mostra all'uomo quanto egli...

Read More »

.
Leggi Tutto

Elùl: controlliamo i nostri tefillìn e le nostre mezuzòt Pubblicato il 15 Agosto, 2023

mezuza-scroll1

Nella nostra epoca, più che mai, è indicato seguire il consiglio del Rebbe di controllare una volta all’anno, nel mese di Elùl, i tefillìn e le mezuzòt. La barriera che separa la spiritualità dalla materialità, in prossimità della Gheulà, infatti, è così sottile, ormai, che ad una loro imperfezione, spesso corrisponde una ‘imperfezione’ nella nostra condizione di salute, sostentamento o altro. Seguire questa richiesta del Rebbe, quindi, ci porterà soltanto bene e benedizione.


‘Ama il tuo prossimo come te stesso’ Pubblicato il 23 Luglio, 2023

ahavat iasrael

Amare se stessi è un fatto naturale, che non occorre imparare, ma amare l’altro, anche quando non ci piace e ci da fastidio…!? Come può la Torà pretendere di comandare ai nostri sentimenti? La vera domanda, che dobbiamo porci, però, è: ‘Chi è, veramente, per noi, il nostro prossimo, l’altro Ebreo?


Cosa volle, di fatto, Korach? Pubblicato il 16 Giugno, 2023

L’intenzione e l’adempimento pratico dei precetti sono di fatto una cosa sola, come il corpo e l’anima che si fondono insieme a formare un’entità unica.


“Ho sentito che il vostro commercio riguarda gli orologi” Pubblicato il 29 Ottobre, 2020

Ero sbalordito. Non ho parole per esprimere la cosa. Per me si trattò di una totale sorpresa. Avevo pensato che avrei forse ricevuto un segno, un’allusione. Ma una risposta come quella?!


Un inviato speciale! Pubblicato il 6 Febbraio, 2013

Yosef Yzchak realizzò ormai che non ce l’avrebbe fatta. Entro breve sarebbe iniziato lo Shabàt ed egli avrebbe dovuto scendere dall’auto. “Mi faccia scendere, per favore”, chiese all’autista, che lo guardò come se fosse pazzo. Si trovavano infatti lontani da tutto! Ma che fare? Non c’era scelta….