21 Shevat 5782 - 23 Jan 2022 Sun

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Mercoledì                                                    21 Shvàt                                                5703

È dovere delle mogli e delle figlie chassidiche (possano avere esse lunga e buona...

Read More »

.
Leggi Tutto

L’unione, come condizione per la Redenzione Pubblicato il 20 Dicembre, 2021

La divisione e la discordia colpiscono l’essenza stessa del popolo d’Israele. Quando i figli d’Israele tornano ad essere uniti, guadagnano il merito della scelta eterna di D-O e la Redenzione vera e completa.


Unione all’inizio e unione alla fine Pubblicato il 6 Dicembre, 2021

La parashà Vaygàsh ci insegna che l’unione è la base di tutto. Essa è anche lo scopo del servizio Divino: portare all’unione tutta la creazione.


Unione sopra ogni cosa Pubblicato il 6 Giugno, 2021

The_High_Priest_in_the_Holy_of_Holies_2

L’unità è più completa quando comprende entità divergenti, ognuna con la sua propria natura. La Torà è stata data per stabilire questo tipo di pace. Non è che le differenze non debbano esistere, esse devono piuttosto fondersi in armonica sinergia. La Torà insegna che la divisione può servire uno scopo positivo, e la diversità non deve portare ad un conflitto.


Dopo la divisione arriva l’unione Pubblicato il 13 Maggio, 2021

Il primo giorno del mese di Sivàn, i Figli d’Israele arrivarono nel deserto del Sinai: “e Israele si accampò lì, di fronte al monte”, “come un solo uomo, con un solo cuore”. L’unione del popolo d’Israele è la via per ricevere la benedizione Divina.


La nostra capacità di ricevere l’infinito Pubblicato il 13 Maggio, 2021

Matàn Torà 2

Con la Torà che D-O ci donò, Egli ci donò anche Se Stesso, in quanto Egli “incorporò” Se Stesso totalmente nella Torà. Lo scopo finale del Matàn Torà è permettere all’uomo di cogliere D-O Stesso – una relazione che trascende completamente l’intelletto – e, contemporaneamente, di avere la facoltà di assimilare l’insegnamento della Torà in modo che esso permei l’intelletto umano, così che l’individuo divenga di fatto una cosa sola con la Torà.


Lo Shabàt e il Santuario Pubblicato il 9 Marzo, 2021

teruma 3

Quando una persona vive la propria vita, sapendo che è la benedizione Divina la responsabile del proprio sostentamento, egli non sarà consumato dal desiderio di ricchezza e la sua capacità di creare una vera unione con chi lo circonda, per costruire un Santuario per D-O, ne sarà infinitamente accresciuta.