13 Adar I 5784 - 22 Feb 2024 Thu

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Giovedì                                                    13 Adàr 1                                               5703

Tachanun non viene detto a Minchà.

Mio padre disse: "Sono sicuro che quando...

Read More »

.
Leggi Tutto

I Dieci Comandamenti Pubblicato il 1 Febbraio, 2024

Nella parashà di Itrò, la Torà narra della promulgazione della Torà da parte di D-O stesso, mentre in una successiva parashà, Vaetchannàn, il Matàn Torà è riferito, nella narrazione che Moshè Rabèinu ne fa. In questa ripetizione del racconto del Matàn Torà, è possibile trovare un insegnamento centrale riguardo tutta la Torà.


Dall’occultamento prorompe la rivelazone Pubblicato il 28 Luglio, 2023

“Con tutto il vostro cuore e con tutta la vostra anima” (Devarìm 11:13) Nella parashà Vaetchanàn compare la prima parte del ‘Kriàt Shemà’ (“Shemà Israel”), mentre nella parashà Èkev compare la seconda parte (“Vehaià im shamòa”). In generale, le due parti trattano di un tema simile, e proprio per questo spiccano di più le differenze […]


La consolazione della Redenzione Pubblicato il 26 Luglio, 2023

Il nostro lavoro, nell’esilio, è ciò che prepara la rivelazione del infinitezza di D-O nel mondo. Il rivelarsi dell’unione perfetta del tutto nell’Uno, Semplice ed Indivisibile, coesisterà coi particolari, che non si annulleranno. L’anticipazione di questo, D-O ce la dà, con la promessa della Sua doppia consolazione, un’allusione al ‘senza limite’ che ci aspetta. (P. Vaetchannàn)


Supplicare D-O Pubblicato il 25 Luglio, 2023

Ogni Ebreo è caro a D-O quanto un figlio unico nato ai genitori nella loro vecchiaia. Proprio per questa vicinanza interiore, Egli ci concede favori che vanno al di là dei nostri bisogni e del nostro reale merito. Pregando, quindi, l’umiltà non deve solo caratterizzare il modo di rivolgersi a D-O, ma deve arrivare a permeare la persona stessa, nella sua interezza. Pregando, essa deve sentire con sincerità di star chiedendo un favore che non merita.


Il 9 di Av e Moshiach Pubblicato il 25 Luglio, 2023

L’energia particolare del 9 di Av, giorno della nascita di Moshiach, genera un nuovo impulso per l’avvento della Redenzione. La consapevolezza di ciò ci potrà aiutare a vivere questo giorno in modo diverso, rivelando il suo grande bene, che oggi è ancora nascosto.


Per non sbagliare strada Pubblicato il 24 Luglio, 2023

La vita è piena di bivi, di momenti di dubbio. La scelta è nelle nostre mani, così D-O ha stabilito. Egli, però, ci ha dato una segnaletica chiara e visibile, e seguendola, si è certi di arrivare!


D-O è tutto Pubblicato il 22 Luglio, 2023

Non vi è assolutamente alcuna realtà all’infuori di D-O. Il Santo, benedetto Egli sia, è l’unica e sola realtà esistente al mondo, sia nel cielo, sia sulla terra, sia nello spazio del mondo.


Amore e timore in un unico cuore Pubblicato il 9 Luglio, 2023

Ci è comandato: “E amerai l’Eterno, il tuo Signore” e “temerai il tuo Signore”. Ma come è possibile comandare ai sentimenti?


Noi abbiamo un rifugio Pubblicato il 31 Luglio, 2020

…egli dovrà ricordarsi allora che proprio questo è il suo compito e la sua missione nel modo: salvare anche un solo Ebreo e condurlo al ‘rifugio’ della Torà.


Un punto in alto e un punto in basso Pubblicato il 3 Agosto, 2017

Aleph_G

Anima e corpo, sono apparentemente cose completamente distinte, con aspirazioni opposte e senza nulla che le colleghi. Il collegamento fra esse si stabilisce con una linea di ‘timore del cielo’.