22 Iyyar 5784 - 30 May 2024 Thu

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Giovedì                                                      22 Iyàr                                                 5703

          37° giorno dell'omer

Una volta, in un periodo di tempo fra il 5544...

Read More »

.
Leggi Tutto

Mutare la propria natura per salvare delle vite Pubblicato il 3 Novembre, 2023

Quando all’uomo si presenta un caso che riguarda la salvezza di un Ebreo, in senso materiale o spirituale, egli non deve perdersi in alcuna considerazione, ma agire con tutti i mezzi e con tutte le sue forze.


D-O appare ad ogni Ebreo Pubblicato il 2 Novembre, 2023

D-O apparve ad Avraham, il primo Ebreo, ed ogni Ebreo ha ricevuto la sua eredità da nostro padre Avraham, e con essa la possibilità di meritare l’apparizione Divina. Questa possibilità è però, appunto, solo una possibilità, e per renderla attuale, l’Ebreo deve impegnarsi e desiderare questa rivelazione con tutto se stesso.


Tre segni Pubblicato il 1 Novembre, 2023

Avraham Avìnu ha trasmesso il suo attributo di bontà a tutta la sua discendenza.


La capacità di sacrificarsi che porta Moshiach Pubblicato il 1 Novembre, 2023

Il vero auto-sacrificio lo si fa senza calcolo. L’unica considerazione, l’unico pensiero è cosa D-O vuole e richiede da me in questo momento. In questo senso, l’Akedà fu il primo esempio di auto-sacrificio.


I “figli” che Sara allattò Pubblicato il 31 Ottobre, 2023

neonato

Qual’è il ruolo del popolo Ebraico rispetto alle nazioni del mondo? Qual’è la sua influenza? Da dove essa deriva? Nella parashà di Vayerà, nel miracolo che Sara, nostra Madre, meritò, con la nascita di suo figlio Isacco, il Rebbe trova le risposte a queste domande e ci comunica la forza contenuta in esse.

  


‘Ed io non sono che polvere e cenere’ Pubblicato il 30 Ottobre, 2023

La grandezza dell’attributo di benevolenza di nostro Padre Avraham proviene dalla consapevolezza della propria nullità. Impariamo da questa condotta di nostro Padre Avraham.


A volte la pressione è utile Pubblicato il 29 Ottobre, 2023

Quando un uomo pecca e giustifica il proprio peccato con diverse motivazioni, tutte queste pretese non sono che un velo esteriore, atto a coprire l’arroganza dell’istinto del male che ha preso il sopravvento sull’uomo. Se riusciamo a battere l’istinto del male e a sottometterlo, esse si dissolveranno allora da sole.


Senza alcun calcolo Pubblicato il 9 Novembre, 2022

La vera disponibilità al sacrificio che Avraham Avìnu ci ha trasmesso in eredità, è un attaccamento totale a D-O, senza limiti, senza considerazioni né calcoli.