6 Tishri 5781 - 24 Sep 2020 Thu

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Martedì                                                   6 Tishrei                                                 5704

Un riassunto del terzo metodo (vedi YomYom precedenti):

U – Veahàvta…, "Ama....

Leggi Tutto

Per imparare bisogna sempre domandare! Pubblicato il 25 Aprile, 2019

bombardiere

Pochi giorni prima di Pèsach, Joey, un bambino israeliano di dieci anni, di una famiglia non religiosa, tornò a casa da scuola annunciando di voler porre alcune domande. “Oggi a scuola è venuto a parlarci un rabbino, che ci ha raccontato alcune cose sugli Ebrei, tanto tempo fa. È vero che una volta erano schiavi in Egitto?”…


Il sèder più bello Pubblicato il 25 Aprile, 2019

Improvvisamente il Rebbe sentì una voce, come dal cielo: “Il sèder di Levi Yizchak è piaciuto a D-O, ma quello di Shmerl il Sarto lo ha sorpassato!” Chi poteva mai essere questo Shmerl? Certo un uomo molto speciale, se D-O l’aveva preferito al grande zadìk. Ma ecco che….. (Storie per bambini)


Mezzanotte Pubblicato il 21 Aprile, 2019

mezzanotte

Perché Moshè indicò l’ora nella quale si sarebbe verificata la piaga dei primogeniti, l’ultima piaga prima della liberazione dall’Egitto, cosa che non aveva fatto per nessun’altra delle altre piaghe? Perché, poi, gli Ebrei dovettero cercare protezione da quest’ultima piaga, segnando le loro porte, mentre non ebbero bisogno di prendere alcuna precauzione rispetto alle nove precedenti?


Cosa ci insegna la morte dei figli di Aharòn? Pubblicato il 19 Aprile, 2019

Riguardo Nadàv e Aviàhu, la Torà parla di un peccato, al seguito del quale essi persero la vita. Di fatto, dietro questo ‘peccato’, c’è un insegnamento profondo e fondamentale, che riguarda ogni Ebreo.


HaYomYom: Venerdì, 29 Adàr 2 5779 Pubblicato il 5 Aprile, 2019

Lunedì                                                  29 Adàr 2                                                  5703 Mio padre disse ad un farbrenghen: “D-O creò l’universo e tutti gli oggetti fisici dal nulla. Un processo di creazione di qualcosa dal nulla. L’Ebreo deve trasformare il “qualcosa” nel “nulla”, trasformare il materiale in spirituale. Il servizio di volgere il materiale in spirituale, e rendere la materia strumento della spiritualità, è […]


HaYomYom: Giovedì, 28 Adàr 2 5779 Pubblicato il 4 Aprile, 2019

Domenica                                            28 Adàr 2                                                    5703 Noi recitiamo  l’Harachamàn del Brìt Milà. (Da un discorso tenuto durante il pasto ad un Brìt Milà): A un Brìt Milà noi diciamo: “Così come egli è entrato nel Patto, possa egli entrare nella Torà, nel matrimonio e nelle buone azioni”. È nostro uso fare un pagamento anticipato per il costo degli studi del bambino. […]


HaYomYom: Mercoledì, 27 Adàr 2 5779 Pubblicato il 3 Aprile, 2019

Sabato                                   27 Adàr 2, Parashat HaChodesh                            5703 Benedici il Capo Mese Nissàn; recita l’intero libro dei Salmi la mattina presto. Giorno di farbrenghen. Dalle sichòt di mio padre: Il peccato dei figli di Aharòn fu “che avevano presentato un’offerta (lett. anche: si erano avvicinati) alla presenza dell’Eterno ed erano morti”. Si trattò di razo (una tendenza ad elevarsi spiritualmente per unirsi al […]


HaYomYom: Martedì, 26 Adàr 2 5779 Pubblicato il 2 Aprile, 2019

Venerdì                                                  26 Adàr 2                                                 5703 Tutto ciò che è sacro per il popolo del D-O di Avrahàm e fondamentale per la casa d’Israele, per stabilire ed educare una generazione diritta, con la kasherùt del cibo e la sublime pura santità del Sabato, fu trasmesso da D-O, che incute timore e riverenza, alle donne di Israele, perché venisse preservato […]


HaYomYom: Lunedì, 25 Adàr 2 5779 Pubblicato il 1 Aprile, 2019

Giovedì                                                  25 Adàr 2                                                 5703 Il chassìd, R. Mordechai Horodoker, raccontò: “Il primo aforisma, che noi udimmo dall’Admòr HaZakèn, quando arrivammo a Lyozna fu: ‘Quel che è proibito è proibito, e quel che è permesso non è necessario.’ Per tre o quattro anni lavorammo su questo, fino a che non integrammo questa forma di servizio nei vari aspetti […]