29 Elul 5782 - 25 Sep 2022 Sun

Un Pensiero al Giorno (HaYomYom)


Mercoledì                                29 Elùl, Vigilia di Rosh HaShanà                        5703

Le Selichòt vanno recitate la mattina presto; a...

Read More »

.

“Ricercate il Signore mentre Lo si può trovare, invocateLo mentre è vicino” (Yeshayahu 55:6) Pubblicato il 25 Settembre, 2022

padre-e-figlio-tramonto

L’amore di D-O per il popolo d’Israele durante i ‘Dieci Giorni di Teshuvà’ è come quello descritto dal verso: “Poiché Israele non è che un ragazzo ed Io lo amo” (Hoshea 11: 1), come un padre ama il suo bambino piccolo di un amore essenziale, che non dipende dalla condotta del figlio, tanto che non cessa di amarlo anche quando il bambino si comporta male.


HaYomYom: Domenica, 29 Elùl 5782 Pubblicato il 25 Settembre, 2022

Mercoledì                                29 Elùl, Vigilia di Rosh HaShanà                        5703 Le Selichòt vanno recitate la mattina presto; a Vayomer David si resta in piedi. Hataràt nedarìm (Annullamento dei voti, pag. 269), con dieci partecipanti. Erùv Tavshilìn (pag. 249). Giorno della nascita del Zemmach Zèdek, nel 5549 (1789) Dagli aforismi dell’Admòr HaZakèn: Noi non abbiamo assolutamente idea di […]


Ad ogni Ebreo è data una forza particolare Pubblicato il 23 Settembre, 2022

Nei ‘Dieci Giorni di Teshuvà’, ad ogni Ebreo è data dall’alto una forza particolare. Ognuno ha la possibilità di avvicinarsi a D-O, elevandosi al punto tale da poter arrivare ad un vero e proprio attaccamento alla propria fonte: il Santo, benedetto Egli sia.


HaYomYom: Sabato, 28 Elùl 5782 Pubblicato il 23 Settembre, 2022

Martedì                                                        28 Elùl                                               5703 “La benedizione di D-O porta ricchezza” in generale, ed in particolare a coloro che dedicano se stessi ed il loro tempo alle necessità della comunità, per le cose che riguardano la carità ed il rafforzamento dell’Ebraismo, come risulta dal detto: “D-O non resta in debito.” Per ogni buona azione che una […]


HaYomYom: Venerdì, 27 Elùl 5782 Pubblicato il 23 Settembre, 2022

Lunedì                                                          27 Elùl                                               5703 Dai santi insegnamenti dell’Admòr HaZakèn: “Israele, nazione unica sulla terra.” La nazione d’Israele, anche nel mondo terreno, è legata al D-O Uno. D-O trasforma lo spirituale in qualcosa di materiale; Israele trasforma il materiale in qualcosa di spirituale.


La qualità essenziale di Rosh HaShanà Pubblicato il 23 Settembre, 2022

Come è importante comprendere il servizio della teshuvà, che caratterizza in particolar modo i giorni che vanno da Rosh HaShanà a Yom Kippùr, così è indispensabile comprendere la base indispensabile, che ci permette di accedere a questo servizio e di farlo nostro. Questa base è espressa dalla qualità essenziale di Rosh HaShanà….


HaYomYom: Giovedì, 26 Elùl 5782 Pubblicato il 22 Settembre, 2022

Domenica                                                     26 Elùl                                               5703 La procedura per rendere ‘kashèr‘ (permessa) la carne, così da poter essere mangiata, togliendole il sangue che è proibito, è: ammollo, salatura e risciacquo. Le stesse azioni, tradotte nei concetti che riguardano il servizio Divino, sono: ‘ammollo’ – immergersi nelle parole del Rebbe; ‘salatura’ – yechidùt (udienza privata col Rebbe); ‘risciacquo’ […]


La forza di sradicare montagne Pubblicato il 22 Settembre, 2022

montagna

A volte, si presentano degli ostacoli nel nostro servizio Divino, e fra questi ce ne sono alcuni che ci appaiono insormontabili come ‘montagne’. La verità è però che all’Ebreo è data la forza di sradicare una montagna.


Un Rosh HaShanà del tutto speciale! Pubblicato il 22 Settembre, 2022

In un kibbuz tipico Israeliano, non religioso, nessuno penserebbe di organizzare un miniàn per pregare, nemmeno a Capodanno. Quella volta, però, sembrava dover andare diversamente, solo che a completare il numero del miniàn, mancava il decimo…


La posizione ferma dell’Ebreo Pubblicato il 21 Settembre, 2022

Quando si tratta di Torà e mizvòt, all’Ebreo è richiesto di essere fermo e deciso. La forza per ciò, può derivargli solo dall’amore, che unisce il popolo d’Israele, in virtù dell’anima Divina, che lega ogni Ebreo a D-O ed al suo compagno Ebreo, in un’unità inscindibile.